BLOG

01 dicembre 2017 - Web

Siti web Desktop, mobile e responsive

sito-web-responsive.jpg

Quando si affida la realizzazione di un sito web, al giorno d'oggi, è insolito non richiedere anche l'ottimizzazione per dispositivi mobili (smartphone e tablet), considerando che buona parte del traffico proviene dai medesimi.

Per quanto lo smartphone e il tablet non assicurino l'esperienza di navigazione di un notebook o di un computer Desktop, per velocità, prestazioni generali e soprattutto per le ridotte dimensioni del display, non ottimizzare un sito web per la consultazione in mobile comporta una serie di conseguenze negative non trascurabili: tempo di permanenza sul sito prossimo allo zero, l'improbabilità della veicolazione del messaggio pubblicitario e/o dei tratti peculiari/distintivi dell'azienda e, laddove si tratti di un sito e-commerce, anche di fatturato mancato con conseguente riduzione delle vendite potenzialmente previste. Ed infine, chiaramente, una compromissione dell'immagine aziendale.

Che si preferisca un sito web in duplice versione (Desktop e mobile) o che si preferisca in una unica versione responsive (ovvero con rimodellamento strutturale e re-impaginazione in base al dispositivo d'accesso), il sito web mobile deve assolutamente affiancare quello Desktop per raggiungere gli utenti che navigano in mobilità e fornire loro i contenuti cercati, anche circoscrivendone la consultazione e limitandone o rivedendone l'interazione.

L'interazione concessa all'utente mobile, infatti, dipende da tanti fattori e solitamente è subordinata alla volontà promozionale del cliente qualora non prevalgano delle problematiche tecniche. Ad esempio, in passato alcuni fotografi mi hanno espressamente chiesto un sito web esclusivamente tradizionale (Desktop) perché la bellezza dei loro scatti sarebbe stata ammirata soltanto dai monitor e non da display da 5-10 pollici. E, precludersi il pubblico mobile, sia in termini pubblicitari che in termini professionali, avrebbe per loro operato una concreta selezione della clientela definendone un target specifico poiché soltanto l'utente che avrebbe osservato ed ammirato le loro foto da un monitor si sarebbe convertito realmente in cliente. Tutti gli altri, invece, non manifestando un interesse tale da accendere le proprie postazioni Desktop per ammirare le loro creazioni, non lo sarebbero diventati.

Dove invece le problematiche tecniche la fanno da padrone, non bisogna rinunciare alla realizzazione di un sito web mobile ma proporlo in versione semplificata, propedeutica, stimolante. Ad esempio, è inopportuno proporre un sito web mobile ricco di foto ad altissima risoluzione, di slide, di video automatici o pre-caricati. Non perché il browser e il dispositivo non lo supporterebbero, ma perché verrebbe visualizzato più o meno rapidamente soltanto dai dispositivi di ultima generazione e tecnologicamente dotati; mentre quelli più remoti o di fascia medio-bassa verrebbero drasticamente rallentati dalla quantità di risorse richieste (se non bloccati) ed i browser collasserebbero chiudendosi automaticamente.

Oppure, sarebbe impensabile che un iscritto ad un portale per blogger o ad un portale dove viene richiesta la produzione di contenuti importanti possa scrivere il proprio articolo o compilare mediante tastierino numerico o tastiera touch un lungo modulo composto perlopiù da campi di testo e textarea. Forse solo una piccola parte costituita da internauti mobile incalliti si avventurerebbe in un tal proposito.

O ancora, per citare un caso affrontato di recente, se si realizza un sito web di compravendita che consente a ciascun cliente registrato la personalizzazione di un preventivo articolato in varie opzioni da spuntare e combinare e campi da selezionare e digitare, se dalla versione tradizionale è possibile costruire una struttura ben automatizzata e graficamente user-friendly, da smartphone e forse anche da tablet (in base al numero dei pollici) non ritengo opportuno riproporla per evitare il disorientamento del cliente fra tante opzioni e procedure automatizzate durante un processo delicato che si conclude con la generazione di un preventivo anche piuttosto importante dal punto di vista economico.

Pertanto, una versione semplificata in mobile potrebbe, ad esempio, ospitare delle foto propedeutiche a bassa risoluzione, pochi video o pochi frame, dei moduli interattivi snelli e semplificati - magari composti da pochi campi - se sono assolutamente necessari, e dei contenuti studiati appositamente per stimolare l'utente alla consultazione del sito Desktop in full immersion, venendo incontro a tutte le esigenze di navigazione e tecnicamente nel miglior modo possibile.

Quindi, concludendo, non bisogna necessariamente ricorrere a scelte radicali in una o nell'altra direzione ma è possibile ed assolutamente consigliabile vagliare caso per caso, esaminare il progetto, valutarne la fattibilità tecnica, la forma comunicativa più efficace e stabilire cosa offrire in modalità mobile, quali contenuti proporre e quali interazioni consentire, senza smorzare l'efficacia del messaggio comunicativo, senza compromettere l'immagine aziendale e senza ridurre le potenzialità del canale web messo a disposizione.

Fonte immagine: Google Immagini

CATEGORIE